CRICOID PRESSURE POLL 2014


Filed under: airway, Emergency anaesthesia, FOAMEd, Online critical airway training Tagged: 2014, cricoid, poll, pressure

Thrombolytics (tPA) improve intermediate risk PE outcomes, with a few head bleeds (PEITHO Trial)

The use of thrombolytics for pulmonary embolism is not controversial — that is, if the PE is massive with hypotension (give thrombolytics) or mild, with normal blood pressure and right ventricular function (don’t give them). It’s the patients with intermediate risk pulmonary emboli — with normal blood pressure but with evidence of right ventricular dysfunction [... read more]

The post Thrombolytics (tPA) improve intermediate risk PE outcomes, with a few head bleeds (PEITHO Trial) appeared first on PulmCCM.

Steroids did not improve outcomes in severe COPD exacerbations (RCT)

Image: 1800petmeds Systemic steroids in COPD exacerbations requiring ventilator support: Are we treating our patients, or ourselves? By Muhammad Adrish, MD Acute exacerbations of COPD are a major cause of hospitalizations, and are associated with more rapid decline in lung function and reduced survival. Because COPD exacerbations are associated with increased inflammatory responses, corticosteroids have [... read more]

The post Steroids did not improve outcomes in severe COPD exacerbations (RCT) appeared first on PulmCCM.

ODDS RATIO che rompicapo

Non ho una mente propensa alla matematica. Il mio modo di ragionare è sempre stato piuttosto convoluto. Ho però il difetto di volere capire a fondo le cose. Sono profondamento convinto che per il medico di emergenza sia indispensabile un bagaglio culturale peculiare. Credo sia necessaria non tanto una conoscenza nozionistica, quanto il possesso di […]

The post ODDS RATIO che rompicapo appeared first on EM Pills.

Codici diagnostici in pronto soccorso: la semplificazione della Toscana

di @SilviaAlparone

Una lista di codici diagnostici essenziali per l’emergenza sanitaria. L’hanno messa a punto l’Ars Toscana, Agenzia regionale di sanità, e la Direzione generale Diritti di cittadinanza e coesione sociale della Regione, in collaborazione con Simeu Toscana.

A livello nazionale erano già state realizzate da Lazio Sanità (Agenzia di Sanità Pubblica del Lazio), nell’ambito del Progetto “Mattoni del SSN”, sviluppati dal Ministero della Salute per il Nuovo Sistema Informativo Sanitario (NSIS), le “Linee Guida per la codifica di diagnosi e prestazioni in PS” [6]. Si tratta di una lista di 2140 codici diagnostici essenziali, integrati con 584 codici di prestazione, che però dal punto di vista pratico risulta eccessivamente estesa e soprattutto una classificazione non sempre efficace per l’individuazione delle patologie e per l’interpretazione dei dati epidemiologici.

Per questo in Toscana si è pensato di procedere a una semplificazione e a una revisione delle codifiche diagnostiche, in modo tale da rendere più semplici le valutazioni epidemiologiche e organizzative.

Attraverso un’analisi dei flussi regionali del pronto soccorso del 2012 e una revisione della letteratura scientifica si è arrivati a un elenco di 617 codici ICD IX-CM (versione 2007) definiti “essenziali”. L’elenco è stato integrato con i codici “See & Treat” e condiviso con il gruppo di coordinamento del progetto regionale Codice rosa per individuare gli opportuni codici utili alla segnalazione di maltrattamenti e abusi su adulti e bambini. Resta comunque valida ovviamente la lista completa nazionale dei codici diagnostici per i casi che non dovessero rientrare nell’elenco semplificato.

L’elenco dei codici essenziali sarà a breve condiviso con tutte le direzioni delle aziende sanitarie regionali della Toscana e ai professionisti sarà fornito un libretto tascabile di facile consultazione.

È possibile leggere i dettagli del progetto, con la metodologia utilizzata e la lista dei codici, a questo link.

Time to change thinking on ‘cricoid pressure’

Here’s my take on the role of ‘cricoid pressure’ in critical care intubation. Cautionary notice: This post represents my opinion on a topic about which airway practitioners seem to be divided. It is deliberately provocative in order to stimulate thinking and to challenge assumptions. It is not meant to offend or to divide professions or […]